News

MKPNews->Notizie   
OLIMPIADI: NAUFRAGIO AZZURRO NELLA SPRINT A COPPIE

Doppietta svedese, norvegesi favoriti ma ancora a secco di vittorie. Chiudono nelle retrovie Di Centa-Schwienbacher e Follis-Paruzzi di fronte allo strapotere degli avversari in tecnica classica.

 2006-02-14 - Non c’è trippa per gatti quando c’è di mezzo lo sprint a tecnica classica: che sia individuale oppure a squadre, la solfa non cambia. Puoi cambiare i suonatori, ma la musica è sempre quella: umiliante in questo caso. Su 10 coppie in finale, di fronte alla doppietta svedese possiamo vantare il 9° posto dei maschi quando in via di ipotesi si sarebbe potuto pensare anche ad una medaglia, e l’8° per le donne.
Dunque una figuraccia per gli azzurri, uomini e donne, ed era scontato quando ad affiancare Gabriella Paruzzi e Giorgio Di Centa, cavalli di razza seppur inferiori sul piano della potenza ai pezzi da novanta messi in campo dalle altre nazioni, si schierano Arianna Follis e Freddy Schwienbacher.
Bravi ragazzi per carità, e anche ottimi atleti in un’ottica nazionale, ma non certamente in grado di supportarli a dovere in una gara di questo livello. Il motivo è semplice: non sono specialisti della tecnica classica e non hanno adeguate caratteristiche di scatto, velocità e resistenza per una corsa che richiede una spinta di braccia che non possiedono e uno sforzo massimo ripetuto per tre volte, a due minuti di distanza dal precedente. Recupero ridottissimo, al quale i nostri fondisti non sono abituati.

Continua...
...


Da tonussi, Martedě, 14 Febbraio 2006 22:40, Commenti(0), Leggi tutto
PIETRO PILLER COTTRER DI BRONZO NEL PURSUIT DI DEMENTIEV

L'azzurro raggiunto a 300 metri dal traguardo e battuto dal russo e da Estil mentre, in fuga con Di Centa, pregustava già lo sprint con il compagno di squadra.
Kristina Smigun la spunta in volata con Neumannova. Grande Paruzzi: 5° posto. Nello slittino Armin Zoeggeler bissa l'oro di Salt Lake City.

 2006-02-13 - Pietro Piller Cottrer medaglia di bronzo nel doppio pursuit concluso in volata e vinto, a sorpresa, dal russo Dementiev sul norvegese Estil e lo stesso azzurro, dietro il quale si è piazzato Giorgio Di Centa che con lui, ancora a 300 metri dal traguardo, guidava la corsa. Con Soedergren i due azzurri si sono staccati nella parte conclusiva dell’ultima salita, replicando ad un attacco dello svedese e lo hanno staccato in discesa, prima di entrare nella zona stadio. Sembrava fatta ma quando già si pregustava uno sprint tutto italiano, si sono fatti sotto Dementiev ed Estil che li hanno passati a doppia velocità. Una questione di pura potenza, non certo di scorrevolezza degli sci poiché quelli preparati oggi dai nostri skimen si sono dimostrati velocissimi tanto nella prima parte tecnica classica quanto nella seconda a skating. Dei veri missili sotto i piedi, che hanno fatto la differenza in ogni occasione. Prima di tutto consentendo a Pietro, che è sicuramente migliorato ma non è certo uno specialista del classico, non solo di concludere i primi 15 km nel gruppo dei battistrada, ai quali ha personalmente dettato il passo per buona parte del percorso, ma anche di operare certe accelerate in discesa che facevano preludere a quell’attacco sul finale che si è puntualmente verificato.


Da
tonussi, Domenica, 12 Febbraio 2006 22:57, Commenti(0), Leggi tutto

AI TEDESCHI BIATHLON E COMBINATA; OGGI SCATTA IL FONDO

 Piller Cottrer, Di Centa, Checchi e Santus in caccia dei favoriti Vittoz e Angerer

Nel biathlon grandi anche gli azzurri: per De Lorenzi 7° posto , Pallhuber 9°. Bronzo per Enrico Fabris (nella foto): è la prima medaglia olimpica per il pattinaggio velocità. Mario Pescante ha perso la corsa: vicepresidenza CIO al al tedesco Thomas Bach.

2006-02-12 - Ai tedeschi le prime due medaglie d’oro: a Cesana S. Sicario Michael Greis nella gara di biathlon 20 km individuale maschile, davanti ai norvegesi Ole Einear Bjoerndalen (argento) e Halvard Hanevold (bronzo), mentre a Pragelato Georg Hettich, già primo nella prova di salto, trionfa nella combinata nordica. Nel biathlon bella prestazione degli azzurri: Christian De Lorenzi, settimo a 1’41”, e Willfried Pallhuber, nono a 1’45”4, entrambi con un solo errore al tiro. E René Laurent Vuillermoz avrebbe potuto fare addirittura meglio se non avesse commesso tre errori nell'ultima serie dopo avere messo a segno un quindici su quindici nelle prime tre serie.

Continua...
...


Da tonussi, Sabato, 11 Febbraio 2006 23:26, Commenti(0), Leggi tutto
BELMONDO ULTIMO TEDOFORO: LE OLIMPIADI SONO INIZIATE

 Era in ballottaggio con Tomba, ma alla fine �stato premiato il fondo e un'atleta "pulita". La designazione di Stefania top secret solo fino al tardo pomeriggio.

Manu Di Centa fra le 8 donne-simbolo che hanno portato la bandiera nello stadio.
12 atleti, fra cui Evi Sachenbacher, sospesi per tasso troppo elevato di emoglobina.

2006-02-10 - Non c’è stata la sorpresa finale, poiché il top secret mantenuto a lungo è caduto già nel tardo pomeriggio. Stefania Belmondo ultimo tedoforo: riconoscimento meritato all’atleta, per di più di casa in quanto piemontese, che ha ottenuto il maggior numero di medaglie negli sport invernali (10, di cui due d’oro) e che fino a pochi mesi fa era ancora in corsa per partecipare, come concorrente, alla sua sesta Olimpiade. Degno coronamento di una grandissima carriera, simbolo “pulito” di uno sport di fatica. Come dovrebbe essere sempre lo sport, e lo ha ricordato Giorgio Rocca, lo slalomista punta di diamante della delegazione azzurra, quando ha letto il giuramento dell'atleta: "Parteciperemo a questi giochi rispettando le regole impegnandoci per uno sport senza doping e senza droghe per la gloria dello sport".

Continua... ...


Da tonussi, Sabato, 11 Febbraio 2006 23:11, Commenti(0), Leggi tutto
 76 Pagine« Prima ... 72 73 74 75 76 


MKPNews ©2004-2005 All rights reserved
 
© 2000-2006 skiroll.it - all rights reserved - created by Rob


MKPortal M1.1 Rc1 ©2003-2005 All rights reserved
Pagina generata in 0.04744 secondi con 13 query