News

MKPNews->Personaggi   
Roland Clara è partito con il piede giusto

Due vittorie per distacco (classico a cronometro e mass start a skating) nella Coppa del Mondo di skiroll dopo un fastidioso malanno al ginocchio destro. Intervistato, confessa speranze e timori

 1 LUGLIO - Il ragazzo c’è ed è partito con il piede giusto. Coppa del Mondo di skiroll, per ora, in attesa di ritrovare quella di sci in novembre. Due gare a Piglio e per due volte il primo gradino del podio per Roland Clara, entrambe per distacco: mezzo minuto in classico, nella gara individuale a cronometro, battendo Giorgio Di Centa, che è il campione mondiale della specialità oltre che biolimpico di fondo in staffetta e 50 km, con Alfio Di Gregorio sempre N. 1 dello skiroll a 42 secondi. Bis il giorno successivo a skating, con partenza in massa e allungo decisivo a 5 km dall’arrivo. Non ce n’è stato per nessuno: Di Gregorio a quasi un minuto appena davanti a Bonaldi, il russo Fedulov a 1’05”, Di Centa a 1’07 a precedere Kostner e Checchi.

Stupefacente: mai vista una supremazia del genere, tanto più dopo essersi lasciato alle spalle da poco un brutto dolore al ginocchio, con atleti del più alto livello, il che spiega già di per sé la potenzialità espressa ancora solo in parte da questo altoatesino di Brunico, 26 anni, arruolato nelle Fiamme Gialle e nella nazionale di Coppa del Mondo dal 2004. Hobbies da sportivo praticante ch ...


Da staff, Martedì, 01 Luglio 2008 17:52, Commenti(0), Leggi tutto
Lukas Bauer: in attesa delle medaglie pensa a studiare

Il vincitore della Coppa del Mondo e del Tour de Ski punta ai Mondiali di Liberec: corre in casa e, oltre ad un oro individuale, mira anche alla staffetta. La Repubblica Ceca si è fatta forte

 13 MAGGIO - Lukas Bauer  è stato sicuramente il protagonista in assoluto della scorsa stagione nella quale ha centrato i due maggiori obbiettivi, e cioè Tour de Ski e Coppa del Mondo. Inarrivabile per tutti: successi per distacco nelle gare individuali ma anche negli inseguimenti. Ogni volta che ha voluto se n’è andato e nessuno è riuscito a restargli sulle code. A skating e in classico. Gli manca solo lo sprint, per  fortuna degli avversari.   Lo si conosceva come ottimo atleta ma è diventato un campione. Un salto di qualità incredibile, che ha trascinato anche la squadra della Repubblica ceca, diventata competitiva anche in staffetta. Se prima poteva contare su due ottimi atleti e due buoni, ora ne ha tre all’altezza dei migliori e in quarto poco sotto. Un avversario in più per la squadra italiana (nella foto il vittorioso arrivo al Cernis).

I suoi traguardi 2008/09 li ha specificati in  questa intervista che abbiamo ripreso dal sito della FIS:


Da staff, Venerdì, 13 Giugno 2008 20:34, Commenti(0), Leggi tutto

Ilario Tancon intervista De Zolt: Oggi vincerei di più

Il “Grillo” a ruota libera sulle gare del fondo odierno e sui sistemi di preparazione. Piller Cottrer: “Io finivo, lui iniziava. Aveva già la stoffa del campione. Tra i giovani è emerso Checchi”

 10 APRILE - «Se corressi io adesso? Di sicuro vincerei qualche 50 km in più...». Parola di Maurilio De Zolt, il Grillo di Presenaio. Al termine della stagione 2007-2008, abbiamo avvicinato il mito dello sci di fondo italiano per ripercorrere assieme a lui un'annata che per gli sci stretti azzurri è stata densa di soddisfazioni: vittorie in prove di Coppa, il podio finale di Piller Cottrer, conferme interessanti e giovani emergenti. Nonostante le difficoltà economiche i fondisti azzurri hanno saputo interpretare al meglio quella che, senza Mondiali né Olimpiadi, era una stagione di transizione. A De Zolt, però, chiediamo innanzitutto come si vedrebbe lui in questo fondo sempre alla ricerca di nuove formule per diventare più spettacolare e appetibile a pubblico, televisioni e sponsor.

«Innanzitutto, attacca il Grillo, credo che se corressi oggi vincerei qualche 50 km in più di quelle che ho vinto. Di atleti forti per questo genere di prova attualmente ce ne sono meno che ai miei ...


Da staff, Giovedì, 10 Aprile 2008 19:01, Commenti(0), Leggi tutto
E' nato Mattia Ricca: gara in skiroll ancor prima di nascere

 

E' il primogenito di Francesca Rebecchi,  azzurra della specialità e anche di marcia, oro mondiale e bronzo europeo di winter triathlon Age Group, e di Guido Ricca, triathleta e biker

   

 2 APRILE - Non l’ha certo fatto per scherzo, ma il colpo gli è riuscito in pieno. Il primo di aprile è nato Mattia Ricca, figlio della nazionale di skiroll Francesca Rebecchi e di Guido Ricca. Tanta grinta come i genitori, entrambi sportivi praticanti ad alto livello, quindi un DNA che garantisce al neonato una predisposizione all’attività agonistica. Di certo non dovrebbe crescere come un bamboccione poiché lui in gara c’è già stato, seppur in posizione di tutto riposo nel pancione della mamma, a fine ottobre. L’occasione era maturata in una gara di skiroll, da sotto Sormano (CO) fino alla Colma, con Mattia che dormiva cullato dal ritmo simmetrico delle pattinate di mamma.

Per Francesca era stata l’ultima gara di skiroll di stagione ma non certo in carriera: la promessa fatta poco prima di partorire è stata infatti quella di riprendere a metà ma ...


Da staff, Mercoledì, 02 Aprile 2008 21:22, Commenti(0), Leggi tutto
SKIROLL: SERVIZIO DI SPORTWEEK SU ALESSIO BERLANDA, IRIDATO DELLO SPRINT

 Sabato 22 settembre Sport Week, il magazine allegato alla Gazzetta  dello Sport pubblica un servizio, corredato da numerose foto, sui due atleti trentini che, pressoché contemporaneamente, hanno conquistato un titolo mondiale: Alessio Berlanda, che in Croazia a fine agosto ha vinto l’iride dello sprint nello skiroll, e Thomas De Gasperi, che in Austria, nello slalom di sci nautico, il 1° settembre si è imposto con 5 boe e mezza con corda da 10,25, ad una sola boa dal record continentale, 32 anni dopo la storica vittoria di Roby Zucchi in una specialità da sempre  dominata dallo squadrone statunitense.

Ne esce un quadretto simpatico e indubbiamente edificante in quanto i due campioni del mondo spiegano tecnica, sistemi e problematiche di allenamento  delle rispettive discipline. Che hanno permesso di puntare allo stesso obbiettivo, il titolo mondiale, raggiungendolo entrambi, ma con ben diverse possibilità di incentivi. Se sul piano economico al capofila dello sci nautico, che si allena negli Stati Uniti, si sono aperte sostanziali sponsorizzazioni, il numero 1 della velocità nello skiroll,  che si allena sulle strade di casa, nel tempo libero dopo il lavoro, si deve  accontentare del plauso dell’assessore provinciale allo sport. C’è solo da auspicare che, ai complimenti, segua anche una di quelle sponsorizzazioni di cui il Trentino solitamente gratifica i suoi campioni che ...


Da staff, Giovedì, 20 Settembre 2007 22:20, Commenti(0), Leggi tutto
 4 Pagine 1 2 3 4 


MKPNews ©2004-2005 All rights reserved
 
© 2000-2006 skiroll.it - all rights reserved - created by Rob


MKPortal M1.1 Rc1 ©2003-2005 All rights reserved
Pagina generata in 0.06345 secondi con 14 query