Anche a Piglio forestali imbattibili
La coppia forestale Di Gregorio e Druidi, domina il Trofeo Madonna del Monte a Piglio, ottima anche l'affermazione dell'idolo locale Valerio Checchi

Anche il tradizionale tracciato in salita, splendidamente predisposto dal comitato organizzatore dello Sci Club Piglio, ha confermato l’eccellente stato di forma per Alfio Di Gregorio, che conquista per l’ennesima volta la vittoria al Trofeo Madonna del Monte, gara valida sia per il Trofeo SALICE del Gran Premio Italia Skiroll 2004, sia per la federale Coppa Italia F.I.H.P.

Al via dal bivio per Olevano della consolare Prenestina, Ŕ l'Under21 Eugenio Bianchi a scattare al comando, ma il giovane atleta del Brianza Skiroll Club viene subito ripreso dal gruppo guidato da Alfio Di Gregorio e Mirco Collavo.
La prima parte del percorso di gara, prevalentemente pianeggiante, con alcune brevi salite e  velocissimi tratti in discesa dove i migliori raggiungono i 65 km/h, ha visto lo sfilare del gruppone di oltre 100 atleti, Successivamente, dal gruppone iniziale si staccavano una dozzina di battistrada, fra i quali, oltre al forestale siculo-veneto, il suo compagno di squadra Marco Fiorentini, il carabiniere Michele Rainer, il finanziere Valerio Checchi, gli alpini Diego Boccia e Simone Paredi, ed i nazionali di skiroll Mirco Collavo, Renato Marina, Andrea Stella, Massimiliano Gioia, Julies Pession e Eugenio Bianchi.

A circa metÓ gara, in prossimitÓ del bivio per Paliano, allungo del Di Gregorio cui rispondono molto bene Checchi (nella foto), Fiorentini e Paredi, mentre gli altri si staccano dal gruppo, ma a questo punto Di Gregorio rompe il puntale del bastoncino destro e, dopo qualche centinaio di metri con un solo bastone, qualcuno dell'assistenza gli passa un bastoncino, che si rivela subito troppo corto per l'atleta della forestale. Di Gregorio prosegue in questo modo per un paio di chilometri continuando a mantenere la testa della gara, fino a quando riesce ad avere un altro bastoncino. Di Gregorio allunga ulteriormente il passo, guadagnando altri secondi su Valerio Checchi che, nonostante tenesse a vista il campione del Mondo, non riesce a raggiungerlo, tagliando il traguardo con un ritardo di 37 secondi. Terzo gradino del podio per il forte Simone Paredi, giunto con 1 minuto di ritardo da Checchi, ma dando 15 secondi a Fiorentini, giunto 4░, con Mirco Collavo al 5░ posto, con oltre 2 minuti di ritardo dal vincitore.

Al traguardo un soddisfatto Di Gregorio ha elogiato tutta l’organizzazione, mentre
Valerio Checchi si Ŕ dichiarato altrettanto soddisfatto per quello che ha definito un ottimo test per la propria preparazione, volta ovviamente alla stagione invernale, dato che nel prossimo inverno dovrÓ onorare l’entrata nel “gruppo rosso”, il gruppo dei migliori della coppa del mondo di sci di fondo, prima volta per un atleta laziale.

La splendida undicesima edizione del Trofeo Madonna del Monte ha assegnato anche il Trofeo intitolato all’indimenticata atleta, russa di nascita e italiana d’adozione, Olga Kamenskaja, destinato alla vincitrice della categoria femminile che quest’anno, secondo i pronostici, Ŕ stata la forestale friulana Viviana Druidi, a riconferma del suo ottimo stato di forma dopo le tre vittorie nella Coppa del Mondo disputata in Croazia due settimane prima.
Nei velocissimi chilometri iniziali, solamente la triestina Mateja Bogatec riuscirÓ a tenere l'elevata andatura imposta dalla forestale, mentre la brianzola Erika Bettineschi, la sola che pu˛ impensierire Viviana nelle prove in salita, si lascia staccare troppo nei lunghi tratti in piano e in discesa, e le rampe finali non saranno abbastanza lunghe e dure per poter sperare in un suo recupero.
Sul traguardo Viviana Druidi precede di quasi 2 minuti Erika Bettineschi e di 3 minuti e 41” la polacca Dorotha Dziadkowiec.

L’edizione della gara di Piglio Ŕ stata impeccabile sotto tutti i punti di vista, onorata da oltre 130 atleti provenienti da tutta Italia; si pensi che vi erano rappresentanti sia dalla Sicilia, con concorrenti dell’Unione Sportiva Nicolosi (Catania), sia dalla Valle d’Aosta, con lo Sci Club Verrayes, dal Trentino e dal Veneto, con il G.S. Hartmann, il Centro Sportivo Bassano e la SAV di Vicenza, oltre che atleti friulani, toscani, abruzzesi e di molte altre regioni d’Italia. Anche dall’estero sono giunti in terra ciociara, in particolare da Polonia e Germania.

Svolta brillantemente la gara di sabato pomeriggio, con il commento al microfono del famoso giornalista televisivo Giorgio Martino, la festa Ŕ continuata, come da meravigliosa tradizione pigliese, nella piazza centrale, con la cena offerta sotto la luna dal comitato organizzatore e con le ricche premiazioni.

La premiazione della categoria senior femminile, da sinistra: Viviana Druidi, Erika Bettineschi e Dorotha Dziadkowiec

Sul palco, al termine della sfilata dei campioni vincitori delle varie categorie, la cerimonia del lancio della mongolfiera, a ricordo di Olga Kamenskaja, e poi la festa musicale e danzante con cantanti e ballerine molto apprezzati.

La classifica
  

SENIORES MASCHILE

1

DI GREGORIO ALFIO

C.S.FORESTALE

27'10,6

2

CHECCHI VALERIO

G.S.SUBIACO

27'47,9

3

PAREDI SIMONE

C.S.ESERCITO

28'47,3

4

FIORENTINI MARCO

C.S.FORESTALE

29'02,3

5

COLLAVO MIRCO

CUS BOLOGNA

29'16,1

6

MARINA RENATO

SKIROLL VERRAYES

29'27,3

7

PESSION JULES

SKIROLL VERRAYES

29'51,1

8

BIANCHI EUGENIO

BRIANZA SKIROLL CLUB

30'16,0

9

BOCCIA DIEGO

C.S.ESERCITO

30'22,8

10

STELLA ANDREA

G.S.CALEPPIOVINIL M.GINER

30'52,5

  

SENIORES FEMMINILE

1

DRUIDI VIVIANA

C.S.FORESTALE

34'51,1

2

BETTINESCHI ERIKA

BRIANZA SKIROLL CLUB

36'48,5

3

DZIADKOWIEC DOROTHA

POLONIA

38'32,5

4

BOGATEC MATEJA

S.D.MLADINA S.S. TRIESTE

39'14,2

5

STRAUB ANNEMARIE

CUS BOLOGNA

40'08,8

6

REBECCHI FRANCESCA

BRIANZA SKIROLL CLUB

41'31,7

7

ZAPPALA' EMANUELA

UNIONE SPORTIVA NICOLOSI

43'14,0

8

ANTONIOLI MARIANGELA

G.S.CALEPPIOVINIL M.GINER

55'30,3

Rassegna stampa:

 

Aggiornato il 15-02-05.

www.skiroll.it